«But sometimes they be talkin’ in codes»

HUSHPUPPY: All the time, everywhere, everything’s hearts are beating and squirting, and talking to each other the ways I can’t understand. Most of the time they probably be saying: I’m hungry, or I gotta poop. [listening to bird’s heartbeat] But sometimes they be talkin’ in codes.

Benh Zeitlin, Beasts of the Southern Wild (2013), con Quvenzhané Wallis

wallis

Quel malessere oscuro del cuore

Ci dev’essere una latitudine che scorre nelle vene delle narratrici delle aree settentrionali di Europa e America: quelle comunità in qualche modo ibernate nelle loro orgogliose tradizioni, le tante province che pullulano tristemente lontano da Londra o New York, le sere fredde, le notti gelide, gli stivali che scrollano la neve ghiacciata all’ingresso di accoglienti tane domestiche. Come in Fargo, il film dei Coen e la serie tv da loro prodotta. Non sono donne diverse da noi, uomini o adolescenti diversi da noi, ma è come se in quella latitudine non lontana dal freddo polare tutti fossero un po’ più feroci e insieme affettuosi di noi. Se sei solo sei solissimo, se sei triste ti suicidi, se ami tua madre e tua sorella le ami e sei amato tantissimo.
Quel malessere oscuro del cuore

Miriam Toews